vdcit

Nibbio Reale, Rapace Corso - U Filanciu - Video

3,7/5 - 36 recensioni
Milan Royal
3.7
36
2
r6679b1009d3b4
13
vdic
Pubblicato il 30/05/2016 | Aggiornato 2 weeks ago
Rapace milan royal corse
Milan Royal

Origine del nome del Nibbio Reale

Milan royal
Milan royal riventosa corseRapace milan royal corse

Per un piccolo retroscena storico, il Nibbio Reale (Milvus) deve l'origine del suo nome a Luigi XIII, che marchiava i rapaci prima di rilasciarli dalla finestra del Louvre. Al plurale, l'accordo si fa così: Nibbi Reali. In inglese, il suo nome biologico è the Red Kite.

Il rapace più diffuso in Corsica

Sull'isola si contano circa 300 coppie di Nibbi Reali. Da non confondere con altri rapaci diurni come la Poiana, il Falco, lo Sparviero o ancora l'Aquila Reale che è più grande e vive ad altitudini più elevate. L'area di vita dei nibbi reali si concentra principalmente nelle zone di media e bassa altitudine (0 a 1000 metri) e poco fornite di vegetazione, il che offre a questi rapaci una vista sgombra sul suolo, ideale per scovare le prede.

Il Nibbio Reale - u filanciu in corso - è molto presente nella regione Balanina, nel Nebbiu, il Cortenais e a nord-ovest della grande regione di Ajaccio. La Balagna concentra la maggior parte dei Nibbi dell'intera Corsica. Una forte presenza che può essere collegata all'abbondanza di conigli nella pianura del Reginu.

La Corsica è un territorio in cui il Nibbio Reale continua a prosperare. Planando su tutti i contorni dell'isola, sembra davvero il re degli uccelli. Eppure, non è raro assistere a scene comiche come quando una cornacchia lo infastidisce in aria e lo scaccia se invade il suo territorio. Una scena che si può osservare anche tra il nibbio reale nel ruolo del molestatore, e l'aquila reale. Come se in aria, il più piccolo prendesse il sopravvento sul più grande.

Alimentazione del Nibbio Reale

Il rapace è sia predatore che necrofago. La sua dieta varia a seconda dell'ambiente. Planando sui flussi d'aria, scorge con la sua vista acuta prede come piccoli roditori (ratti, arvicole, topi), piccoli uccelli, pulcini, o le carcasse di animali (conigli, ricci) che si trovano in abbondanza in Corsica. Prima di tuffarsi sulla sua preda, plana in alto girando su se stesso e diminuendo l'altitudine mentre emette un grido tipico che annuncia il passaggio all'azione. In una foto, si distingue un ratto tra gli artigli di un Nibbio.

Quando il suo habitat si trova vicino al mare o in prossimità di un lago, può capitare che si nutra di pesci di superficie che afferra con le sue grinfie dimostrando una perfetta agilità.

Area di habitat

Il Nibbio Reale è presente in Corsica a tutte le altitudini, si trova principalmente lungo la costa, nelle pianure, nelle medie montagne, e più raramente oltre i 1000 metri di altitudine. Il suo territorio è personale e lo difende contro i suoi simili. Predilige gli spazi aperti alle zone boschive, per aumentare la visibilità sulle sue prede e permettergli di piombare su di esse senza ostacoli. La sua popolazione è leggermente più numerosa in Alta Corsica che in Corsica del Sud.

Specie endemica dell'Europa

Il Nibbio Reale è originario del continente europeo che ospita più del 90% della popolazione mondiale. La loro distribuzione geografica principale forma una cintura che si estende dal Sud-Ovest al Nord-Est attraversando la Spagna, la Francia, l'Italia, la Germania, la Polonia, fino ai paesi nordici e l'Ucraina, ma anche il Galles. Tuttavia, se ne trovano anche in Inghilterra e in altri paesi dell'est.

È un uccello parzialmente migratore poiché, se le popolazioni meridionali sono sedentarie, non lo sono i loro consimili nordici che migrano verso sud per svernare. Le migrazioni post-nuziali avvengono da agosto a novembre in piccoli gruppi.

Il Nibbio Reale è una specie protetta, poiché considerata a rischio dal 2005. I dati sulle popolazioni di nibbio provengono dal Conservatorio degli Spazi Naturali (CEN) della Corsica e dalle ZPS - Zone di Protezione Speciale (per gli uccelli) - stabilite sull'isola e che rappresentano una direttiva europea.

Caratteristiche

L'apertura alare del Nibbio adulto è di 150-160 cm con le ali spiegate. Il maschio è più piccolo della femmina, pesa poco meno di un chilogrammo mentre la femmina può raggiungere 1,2 kg. Il rapace si distingue per la sua coda rossa forcuta e il suo piumaggio tricolore (bianco, rossiccio e nero) che gli permette di orientarsi. Le sue ali, tipiche dei rapaci, lo aiutano a manovrare in aria e hanno ispirato l'aeronautica nella costruzione degli aeroplani.

Come un fischio, il suo grido è facilmente riconoscibile con una fase lunga monotona seguita da brevi riprese.

Riproduzione

Vivendo in coppia con un'aspettativa di vita di circa vent'anni, il Nibbio Reale costruisce il suo nido sui rami alti di un albero usando paglia raccolta nei dintorni.

In Corsica, il periodo di riproduzione del Nibbio Reale inizia poco prima della primavera, è possibile osservarlo facilmente durante la parata nuziale del rapace dove il maschio sembra collidere con la femmina in aria, entrando talvolta in una danza a spirale che scende in caduta libera. Nel video a 1 minuto e 35 secondi, siamo nel primo caso, un momento che permette anche di osservare la differenza di stazza tra maschio e femmina.

La deposizione avviene nei mesi di marzo e aprile, la femmina di Nibbio non lascia più il nido dal primo uovo e di solito ne depone 3, ma possono arrivare fino a 4. È il maschio che nutrirà la femmina durante tutto questo periodo. Il tempo di incubazione delle uova sarà di quasi 40 giorni, un uovo che necessita di 30 giorni di cova più il ritardo tra il primo e l'ultimo uovo.

Censimento ed evoluzione

Se si contano circa 20 000 coppie nel mondo, il Nibbio Reale, un tempo molto diffuso, è stato messo sotto protezione dopo il suo declino osservato in tutti i paesi (tranne che in Corsica) negli ultimi decenni. È stata intrapresa una campagna di reintroduzione in Toscana del Nibbio Reale con l'aiuto di giovani rapaci provenienti dalla Corsica, dalla Svizzera e dalla Spagna. Altre azioni simili sono state condotte anche nel Galles e in Gran Bretagna.